Quale attività aprire in tempo di crisiPaura di investire? Ecco quale attività aprire (anche) in tempo di crisi 

Stai pensando di buttarti nel mondo dell’imprenditoria nonostante il periodo non sia dei migliori? Il lavoro in proprio è una scelta coraggiosa, che potrebbe anche rivelarsi vincente, soprattutto in prospettiva futura.

Ma quale attività aprire in tempo di crisi? Andiamo a vedere in quale settore conviene inserirsi in base a fatturato e redditività, ma anche qualche idea per evitare di fare “un buco nell’acqua”.

Quale settore scegliere?

Se non hai le idee chiare su quale attività aprire, sappi che il settore food&beverage è sempre sulla cresta dell’onda, nonostante tutto. La ristorazione, infatti, si conferma al primo posto tra i settori nei quali investire e, soprattutto la nascita di nuovi format conferma questa tendenza. 

Puntare sull’innovazione è, quindi, fondamentale, perché il marketing per la ristorazione (e non solo) ci insegna che “unicità” e “vantaggio competitivo” sono le parole chiave per il successo. 

Ma come trovare la propria brand identity? Magari partendo da un’idea sulla quale lavorare e fare delle analisi di mercato specifiche.

Quale attività aprire in tempo di crisi2

3 idee su quale attività aprire in tempo di crisi

 1. Ristorante Hi-Tech. Tecnologia e buon cibo sono un connubio perfetto al giorno d’oggi, soprattutto per intercettare un target giovane e dinamico, che vuole essere sempre online e usufruire di accessori tecnologici, ad esempio, per consultare il menu, ordinare e pagare. Tra le idee migliori tavoli Hi-Tech, tablet, monitor, prese USB e, ovviamente, un arredamento d’interni moderno dalle linee essenziali, che gioca con i colori chiari e le trasparenze. 

 2. Bistrot chic. Possiamo definirlo come l’evoluzione raffinata dell’osteria, un locale nel quale degustare un buon caffè, ma anche vino e pietanze particolari, in un’atmosfera rilassata ed informale, creata anche da un arredo semplice ma allo stesso tempo elegante

 3. Un pub ecosostenibile. Il tema della green economy sta a cuore sempre a più persone consapevoli di quanto sia importante riciclare i materiali per dargli nuova vita, ma anche mangiare sano, possibilmente cibi a chilometro zero. Quale attività aprire in tempo di crisi, quindi, se non un pub che non serve le solite pietanze ma piatti sani e gustosi con delizie del territorio?

Ma ad esempio, quanto costa aprire un pub?  Prima di tutto è necessario investire per studiare e perfezionare l’idea di business, intorno alla quale far ruotare tutto il resto, compreso ovviamente l’arredamento, lo stile, la grafica per la comunicazione e così via; poi ci sono le spese per le questioni burocratiche, la fase esecutiva del progetto e la messa in opera. 

A chi rivolgersi per aprire un’attività di successo?

Abbiamo visto quale attività aprire in tempo di crisi, o almeno qualche idea che potrebbe rivelarsi vincente, ma per partire con il piede giusto è importante avvalersi della consulenza di esperti: noi di Essence Interiors ti mettiamo a disposizione un team in grado di seguire tutte le fasi, dall’ideazione fino alla messa in opera. 

Siamo uno studio di marketing ma anche professionisti di design e artigiani, quindi progettiamo e realizziamo arredi su misura per arredare sia spazi interni che esterni.

Contattaci per saperne di più e risparmierai notevolmente con una consulenza completa a 360°.